venerdì 3 maggio 2013

Le ossa si aggiustano. Il dolore passa in fretta. La gloria e' eterna.

Una settimana e' andata
Ancora una decina di giorni e poi avro' il conforto dei raggi x
Vedremo se resisto ...







































Intanto ieri sera mentre il gruppo rullava la sua solita pazza velocita' nella buca di Ozzero due macchine hanno creato lo scompiglio
La prima ha spaccato in due il gruppo ed ha creato le condizioni affinche' la seconda non segnalata per via della concitazione del tentativo di rientro ha provocato cadute e daneggiamenti vari ai mezzi ed alle membra
Ovviamente nel gruppo di testa nessuno si e' accorto di niente
Nessuno ha girato neanche minimamente la testa
Nessun accenno di rallentamento 
Tutto come al solito

Direi una chiarissima dimostrazione che la piu' pura e spontanea ignoranza ciclistica e' qui fra di noi  


3 commenti:

  1. Sinceramente non ho sentito nessun rumore di lamiere contorte o ululati di dolore...

    RispondiElimina
  2. nessuno ha detto nemmeno scusate, quindi....

    RispondiElimina
  3. Rocco Siffredi4 maggio 2013 12:38

    E' giusto cosi'
    Se non ti va bene non venire mai piu'

    RispondiElimina