giovedì 21 luglio 2016

Altra settimana di devastazione conclusa

Allora eravamo rimasti alla tremenda uscita di mercoledi' scorso con vento e pioggia
Il giovedì avevo bellamente riposato
Venerdi' un giretto in liguria con la salita alla crocetta di Moglio prima da Alassio e poi da Caso a velocita' da bradipo
Sabato con un Melogno da Verezzi fatto quasi a fiamma a ruota di un terribile vecchietto con un fisico da junior e la forza di un toro
Domenica la classicissima con Castelvecchio di Rocca Barbena bello allegro poi Scravajon in scioltezza e Melogno da dietro a fiamma cercando di tener le ruote al giovane Berruti che mi spinge a fare il pb !
Lunedi' un Vecersio con buona gamba
Martedi' devastazione manetta con un caldo mortale
Mercoledi' conclusa la devastazione sempre con un caldo fotonico in compagnia della Mamma Enzo Carmelo Emanuele ed a ruota Valentino e Chiollo :)
Morale ieri sera sono arrivato a casa strisciando dopo aver prosciugato la fontana a Corsico in preda ai miraggi come fossi stato in pieno deserto ... :-(
Sono momenti difficili di passione e sofferenza
Intanto il Tour anche quest'anno si avvia all'epilogo
Abbandona Cav punzecchiato dai media per via di quel suo vizio di attaccarsi alle ammiraglie ma la dichiarazione ufficiale e' che si deve concentrare sulle olimpiadi su pista
Abbandona Fabian
Abbandona Purito
Aveva abbandonato Pinot ed i puristi del ciclismo ne sono rimasti contrariati per i bei gesti che ci aveva abituato a far vedere ogni giorno
Le tappe dopo la tragicomica del Ventoux e le invenzioni di Sagan sembrano quasi noiose ma a mio parere e' dovuto allo strapotere devastante della Sky a farle diventare tale e poi va detto anche quest'anno lo sgorbio keniano vola in salita vola a crono e vola anche in pianura
Amen

giovedì 14 luglio 2016

Fight Ventrazza 2.0

Prosegue il periodo di abbattimento dell'adipe accumulato in primavera tra fancazzismo ed alcolismo smodato
Intravedo finalmente i primi pallidi segnali
Morale UP !
Week end scorso trascorso in montagna tra dislivello e lavori agricoli
Martedi' manetta con buone andature e tirate suicidal
Ieri ritrovo come al solito al Mcdonald di Binasco per l'allegra gita al Canneto
Al ritrovo non siamo in tanti
Ovvio il cielo non promette nulla di buono ... anzi ci sono nubi da apocalisse ma la strada e' asciutta e quindi ...
Comunque viste le condizioni meteo decidiamo per un giro meno lungo ed a circuito piu' vicino a casa per tenere aperta la porta ad un eventuale rientro anticipato dettato dal mal tempo
Partiamo in una decina e via verso Rosate Casorate Besate Motta prime gocce come al solito a Motta poi Bereguardo Ponte delle barche e via verso il Cauberg di San Biagio e poi Garlasco ...
Qui inizio ad avere i primi sentori che la cosa potrebbe girare in tragedia ma spinti da un forte vento laterale puntiamo Dorno e da qui in poi non so piu' dove sono
Siamo nelle Bad Lands come le definisce il Ciclista Pericoloso
Mi sembra di andare a caso ma invece vedro' poi a casa dalla traccia scaricata che il giro ha un senso per preciso
Nulla che assomigli ad un circuito da ripetere piu' volte non troppo lontano da casa ma tantè ormai siamo in ballo e si balla ...
Dopo Dorno si punta Scaldasole quindi Sannazaro de' Burgundi che sara' il giro di boa poi Pieve Albignola Zinasco ...  e quando passo per Zinasco realizzo dove sono
Flash !
Sono lontano da casa almeno due ore abbondanti e la pioggia ha iniziato a picchiare duro ed il vento ancora peggio
Con le ruote da 55 poi è una vera tragedia e dare direzione alla bici è una fatica bestiale
Da notare anche che tra morti e feriti eravamo rimasti in 6 di cui uno passivo dietro ed a girare in doppia fila in 5 con il Mistral che spirava frontal/laterale era un vero esercizio da pura scuola di ciclismo belga
Ovviamente nessuno molla e ci si aiuta tutti
Caraci ed Enzo sono i piu' coriacei poi Taddia io e l'ingegnere sempre della Zibido che non conosco di nome facciamo quello che possiamo e Roberto dietro si cura i dolori alla gamba destra ...
Via cosi' per un'ora e superiamo Cava Manara San Martino Siccomario e Pavia
Ci immettiamo sull'amato stradone che porta alla Certosa che quasi non si vede nulla dalla pioggia e sventoliamo in mezzo alla strada come bandierine flagellate dal vento
Dopo la Certosa smette di piovere e tutto volge per il meglio
Usciamo dal tunnel e fine dell'incubo
Si rientra nelle zone amiche le nutrie ci osservano felici
A Binasco ci si saluta e mi metto sulla ciclonutria per rientrare a Milano ma a Badile ho da scavalcare un albero abbattuto dal vento che chiude la strada
Ultima difficolta superata e rientro a casa con quasi 130 km a altre 32 di media e lievemente lievemente affaticato :-)
Facessi le gare a circuito la Zibido sarebbe certamente la mia squadra visto che son matti come me !
 

giovedì 30 giugno 2016

L'ultimo treno per canneto


17.45 McDonald di binasco come recita il post su FB di Savino
Pero' Savino non si palesa ed a Caraci gli prende la malinconia e propone di fare un giro alternativo a circuito nella bassa senza dislivello
Ma la gente si ritrova al McDonald per andare a banfare sul Canneto
Del giro alternativo non ne vogliono sapere
Interessa zero
Tra l'altro siamo un buon numero
Attorno alla quindicina o piu' e lungo la strada si agganciano in 4 o 5
Si parte
Tutto liscio e si va via spediti con una ottima doppiafila
A San Genesio si aggancia anche Gulmini con un compare e partono subito un paio di sfiammate ma il gruppo regge bene e si arriva compatti sotto il Canneto
Ognuno su del suo passo senza menate
In cima elemosino l'acqua in un cortile visto che siamo oltre i 30 gradi
Poi discesa deciso
Ci si ricompatta e siamo subito costretti all'inseguimento di Caraci ed Enzo che avevano fretta di rientrare
Si prosegue decisi sulla via del rientro e per fortuna stavolta niente crampi
Il finale e' di Gulmini e Caraci e gli altri tutti dietro piu' o meno sfilacciati
Mi fermo a Binasco a fare ancora acqua ed arrivo a casa bello piallato
Oggi si riposa e poi sotto con l'ignoranza ligure  
La mia anca sciancata mi sta dando tregua
Finger crossed !!!

mercoledì 29 giugno 2016

Violenza Manetta


E' un tranquillo martedì come tanti
Si parte anche mooolto rilassati
Poi da Badile a Binasco Miky ci spara dentro una fiammata diabolica
La miccia e' accesa
A Noviglio si avvantaggiano in 6 o 7
Guadagnano e da dietro altri 3 4 partono a cannone e rientrano
a Rosate il gruppo e' spezzato e con un altro della casoratese provo a rientrare ma resto a bagnomaria fino a Bettola dove complice un rallentamento della fuga rientro
Dietro un buco considerevole
Poi a Besate il gruppo degli attardati taglia e la fuga finisce li
Non si e' capito bene chi abbia fatto il buco a Rosate allo zio Flop
E non si e' capito chi tirava il gruppo dietro per ricucire se solo Miky e Flop o anche Donato detto Chiollo ...
Restera' un mistero perché nel dopo giro non siamo riusciti a dipanare l'enigma :-)
Stasera altra bagarre fino a Broni ...

martedì 28 giugno 2016

Hot piace

Finalmente e' scoppiato il caldo
Il bel caldazzo che tanto amo
Beh devo ammettere che settimana scorsa ne ho fatto le spese visto che ho tirato un botto rientrando dall'oltrepo' che han sentito fino in cima al Penice
Ma non ci scomponiamo visto che fa parte del gioco ed il gioco e' duro
Ho quindi approfittato di un fine settimana stabile per proseguire nella lotta alla ventrazza che sta iniziando a far vedere i primi pallidi risultati
Ancora molto c'e' da fare ma non ho fretta
E le cose fatte con calma son sempre quelle piu' proficue e la prima gara sara' in data 18 settembre












La liguria va detto in questo momento e' favolosa ... liguri a parte chiaro :-)
Fiori e verde intenso ovunque
Aria ancora frizzante
Il mare limpido
Un vero sballo senza andare troppo nell'entroterra a cercare fresco
Speriamo resti cosi' anche i prossimi fine settima !

Domenica poi mi son visto il campionato nazionale elite con Nizzolo ottimo tricolore ed in europa ho visto un mostruoso Greipel un buon Edval BH ed un ritrovato Gilbert
Da sabato comunque avremo da divertirci con il TdF e son certo ne vedremo delle belle ! 





lunedì 30 maggio 2016

Fight Ventrazza week

Tra rilassamento post cx season e vacanzina a pedali alla JoBERG2c la ventrazza ha toccato la prima soglia di allarme
Aiutato quindi dal bel tempo ci ho dato dentro a suon di km da martedi a sabato visto le giornata infame di ieri
Iniziato tutto martedi' con Tiz in buona ripresa ci spariamo un milano pavia milano tutta rigorosamente in nutria road
Mercoledì con il gruppo del McDonalds incursione in Oltrepò flagellati da un vento fastidioso
Giovedi' con Tiz Il Levriero e Fritz uscita breve ma intensa con un Fritz voglioso di maltrattarci
Venerdi' pomeriggio libero e con un clima torrido inforco la biga e via ancora verso l'Oltrepò in solitaria
Canneto MonteVeneroso Montu' San Damiano Montu' e rientro con 5 ore piallato a dovere e felice
Sabato esco presto e dopo una cinquantina di km mi aggrego ai manetta e via verso casa ma prima aperitivo ignorantissimo e graditissimo organizzato da Savino &Co a suon di birrazze e patatine fritte !
Morale km tanti
Fatica abbestia
Ma la ventrazza e' restata tale
:-(




giovedì 26 maggio 2016

Canneto Infrasettimanale

Parto da casa alle 17.15
Alle 17.40 sono al mcdonald di binasco
Riempio la borraccia al drago verde e via
Siamo in una decina ma lungo la strada si aggregano in tanti e si arriva a Broni in piu' di 20 con il Vento che spinge in poppa di tre/quarti
Si vola via il Canneto
Giu' la testa e ritorno
Il vento e di tre/quarti in faccia
Si alternano a tirare i piu' cazzuti
Io sto bello nascosto anzi avrei fatto volentieri gruppetto con i piu' tranquilli ma nonostante tutto nessuno molla un metro ed i tentativi di allungo vengono tutti rintuzzati
A Binasco decidiamo che bisogna arrivare in box a 50kmh e ci impegniamo in questa missione suicida
Arrivo a casa con 116 km bello tonico e gasato
Per non far sparire troppo in fretta la ventrazza mi faccio subito tre Draco del Birrificio Opera del mio amico Piero a ripetizione e tutto diventa piu' piacevole !!!

  

martedì 24 maggio 2016

Il Carattere Del Ciclista


Lettura consigliata questo nuovo libro di Giacomo Pellizzari
Uno scritto che mette a fuoco il carattere dei grandi campioni del ciclismo
Ognuno con i suoi pregi ognuno con i suoi difetti ma tutti caratteri forti particolari e determinati che gli hanno permesso di primeggiare sulle strade d'Europa.

giovedì 12 maggio 2016

lunedì 18 aprile 2016

Da Johannesburg a Durban

Mercoledì si vola
Giovedì ci registriamo
Venerdì prima tappa
e poi via fino a fine mese
9 tappe
99% di sterrato
100% avventura
Siamo in 6 :
Zambo the Man
Leo
Ricky
David "lo svizzero"
Fabri Biker
io










martedì 12 aprile 2016

Paris Roubaix Challenge



Avevo appena dichiarato che la Ronde e' la classica piu' bella
Infatti mi sbagliavo
La Ronde e' magica
Ma la Roubaix e' oltre !
Ho fatto tre volte la Ronde
Due edizioni col Grammont e col sole ed una col nuovo circuito ed il diluvio
Ma la Roubaix e' qualcosa che va veramente oltre
Per gli amatori non hai la magia della Ronde perché i francesi sono inesistenti sul percorso mentre in in belgio e' festa grande per i prof ma anche per l'ultimo dei peones del pedale ...
Ma il divertimento dei primi settori di pave' che poi diventa sofferenza nei settori centrali e si trasforma alla fine in patimento atroce con il Carrefour de l'Arbre che ti demolisce ogni sentimento non ha paragoni  ...
Il flash di entrare nel velodromo
Il giro di pista
Insomma non ci sono remore per me e' la piu' bella
Per altri una merda
Amen

Quest'anno eravamo due equipaggi da 3 come da tradizione ma con attori diversi a parte Zambo
Un equipaggio di vecchietti ed uno di sbarbati
Partenza il giovedi' di buon ora per arrivare in Alsazia per ora di pranzo e spezzare la transumanza
Tripadvisor consultato dal professionale Zambo ci porta al Caveau de Bacchus a Katzental
Un ristorante tipico in un casale del 1600 che ci propone il piatto tradizionale ovvero una terrina in coccio che sta 5 ore in forno a legna con dentro tre tipi di carne sommersa da patate tagliate a fette sottili ed affogata nel vino e nel foie gras ... un piattino consigliato vivamente dai migliori preparatori e nutrizionisti !
Arriviamo a sera a Roubaix e siamo a casa di una donna dai facili costumi per non dire altro
ma comunque non ci fara' passare il buonumore e dopo mille raccomandazioni ci da le chiavi di casa
Ceniamo in casa e ci devastiamo di alcoolici da svenire nel letto
Venerdi' mattina sgambata giro di ricognizione al velodromo e di Roubaix e sobborghi per convincerci che e' veramente una citta' pessima dimenticata dal mondo soprannominata el magreb
Pranzo a Templeuve un ridente paesello di campagna a casa di Felix
Un quasi ottantenne amico di amici con la vitalita' di un ragazzino che ha avuto il coraggio di ospitare 6 animali affamati facendoci stare come dei papi a suon di bottiglie di champagne e piatti tipici preparati dalla gentile consorte
Poi per cercare di smaltire ricognizione sui due tratti di pave' vicini
Puntatina alla "Brasserie du pave'" una birreria artigianale della zona
Rientro a casa giusto in tempo per cenare con Leo e soci.


Sveglia indegna alle 4.15 carichiamo le bici sui pullman ed alle 5.30 partiamo
Arriviamo a Busigny un paese nel nulla della desolata campagna di questa desolata regione che e' il Pass du Calais
Sistemiamo le bici ci prepariamo caffe caldo bollente e via
Il sole e' sorto da poco e l'aria e' ancora gelida ma il morale e' gia' altissimo ed il cuore e' caldo !
Ci raggruppiamo e facciamo i primi km a blocco per scaldarci
La gara decidiamo che sara' nei tratti di pave' dove a seconda delle stelle verranno attribuiti gli equivalenti punti a scalare ai primi ad uscirne ovvero tre stelle di difficolta' 3 punti al primo 2 al secondo 1 al terzo e zero agli altri ...
I primi 8 10 settori li voliamo via cosi divertendoci come dei bambini
Poi arrivati alle porte della mitica foresta il cuore va in gola
Entriamo decisi e terrorizzati allo stesso tempo
Pave' scassatissimo ed umidita' fan si che trovare un minimo di equilibrio sia una cosa difficilissima
Davanti ciclisti che scodano e volano da tutte le parti gente che ti cade davanti e non riesci ad evitare gente ferma gente sdraiata che riceve i primi soccorsi e gente che esce dal pave' terrorizzata e pedala lungo la lingua di asfalto laterale ( squalificati ) un vero inferno ma finche' non ci sei dentro non lo capisci fino in fondo
Poi finisce di botto
Rivedi la luce ed esci da un incubo o da un sogno a differenza di come e' stato il tuo feeling con il maledetto porfido di Aremberg
Ma comunque esci sei gia' cotto come una melanzana e le mani ti fanno un male bestia
Da qui in vanti e' un delirio e la sequenza dei settori 7 6 5 e 4 che rispettivamente hanno 3 stelle 3 stelle 4 stelle e 5 il Carrefour ti da il colpo di grazia ... mi immagino i prof
Sai disposto a pedalare anche nei campi pur di alleviare la sofferenza atroce alle mani polsi braccia che ormai non senti piu'
Ma poi in qualche modo li fai e senti che il velodromo si avvicina e quando ci entri mi immagino il boato dei tifosi ...
E' fatta ! e poi mi son detto Mai Piu' Roubaix ! Mai Piu' !
Ho ripensato alle parole di Hinault alle parole del Ballero in merito a questa gara
e finisce che uno si commuove ... spettacolo !
Tralascio qualsiasi racconto su come e' andata la serata di festeggiamento perché mi viene ancora mal di testa solo a pensarci ma sono stati anche quest'anno momenti indimenticabili :-)
"Ciao Amici", come dice Uo', alla prossima !!!


Comunque sono in lutto da domenica per Boonen !
La classe cristallina battuta da un ciucciaruote
Bravo anche lui per carita' 18 edizioni finite 37 anni tutto quello che vuoi ma per me un ciucciaruotedimmerda !!!

lunedì 4 aprile 2016

Sempre piu' @petosagan

In maglia iridata
In solitaria
Dopo una dimostrazione di strapotenza assoluta
Vinci la centesima edizione della Ronde
Fai una penna sul traguardo
...
Non ci sono parole per descrivere il capolavoro di Sagan
Se ami il ciclismo ami Sagan ed ami De Ronde
Non ci sono se e ma e' la classica piu' bella in assoluto con un pubblico che la rende magica
Credo che se facessero un sondaggio tra tutti i prof ci sarebbe un plebiscito ...
ma magari mi sbaglio




Invece io povero adoratore del pedale domenicale mi sono divertito il sabato sul percorso della inedita Martesana Van Vlaanderen
Piu' di 300 al via
Ottima organizzazione da parte di intraprendenti ragazzi dai larghi sorrisi e dalla immensa passione che hanno messo in piedi veramente un bel giocattolo
Firma del foglio di partenza pin adesivi in mano una parola di incoraggiamento e via
Ho fatto gruppetto con Benetello e il mitico Cazza poi i simpatici ed avventurosi coniugi Pozzoni gia' conosciuti alla Transpyr e Christian Velati un ragazzo con 16 anni di agonismo alle spalle da g3 fino ed under dalla piacevole chiacchiera ed un anziano pedalatore del posto che ci ha fatto da tom tom vivente
Percorso duro con muri veramente impegnativi per pendenza e fondo che proprio non si addicono alla bici da corsa
Tratti di lungo Adda selvaggi e molto panoramici
Non un percorso dove andare a cannone per la presenza di camminatori mamme con passeggini ed umanita' varia lungo gli argini ma comunque piacevole se fatto al giusto ritmo

Domenica invece alla Varese Van Vlaanderen altra musica con organizzazione da parte di Cicli Turri iscrizioni tessere euro e blablabla ed il doppio ed oltre di partecipanti
Io sono con Bra Borellik ed Angy
Facciamo ritmo allegro ma non troppo e ci godiamo la giornata al meglio senza problemi !
Alla fine mettiamo in saccoccia un bel 1746 di dislivello per 125 km
Da rifare !