lunedì 9 aprile 2018

La parola di Cronoman ai discepoli

non corriamo per le medaglie o per i premi.
non corriamo per la gloria o per divertirci,
né per gli applausi o per i baci delle miss.
questi sono effetti collaterali, non la forza motrice.
corriamo per soddisfare il misterioso istinto di confrontarci col caos al limite delle nostre possibilità.
è un istinto eterno iscritto nel sistema operativo umano. 
senza questo confronto siamo irrequieti, incompleti, non pienamente vivi.
 
***
ogni corsa è una rinnovata opportunità per esprimere coraggio, fantasia, caparbietà, follia, gioia.
ogni corsa un confronto col dubbio, la fragilità, il fallimento, la debolezza, la fatica che lascia completamente vuoti.
quasi sempre la corsa ci spezza, frantumandoci in mille pezzi.
ci sbatte in faccia che non siamo forti come pensavamo di essere.
brucia, ma è anche una liberazione.
possiamo abbandonarci a una condizione primordiale di vulnerabilità, di verità, di presenza nel momento e di crudo confronto diretto.
un condizione di conflitto aperto e universale, trasversale a culture e epoche storiche.
un'esperienza di sofferenza, di fratellanza e di essere completamente vivi alla radice della condizione umana.
 
***
 
qualche rara volta, nel caos della corsa, succede l'imponderabile.
la fatica evapora, la mente si cheta e veniamo accarezzati da la volupte.
i pedali girano senza sforzo e spicchiamo il volo.
vediamo tutte le mosse corrette in anticipo, 
un download diretto dello spirito del Profeta
che ci muove su traiettorie perfette, come su binari.
un denso momento liminale nel quale diventiamo invincibili.
è una magia che quando provata non si scorda più.
diventa un desiderio profondo che si brucia a fuoco sull'anima,
e ci ributtiamo in mischia cercando sempre il suo etereo abbraccio.
 
 

giovedì 29 marzo 2018

La Prima di Stagione


Finalmente fuori dalla tenebra
In Conca siamo una dozzina
Tutti felici e gasati
Edo provvede al selfie di rito e via tra due cazzate e le interviste di Uo'
Da Santa Corinna si inizia a menare e si capisce subito che la serata sara' molto molto difficile
Arriviamo a Rosate quasi al completo con davanti Annibale Borroni Carmine Vanzin Il Biondo Piton Skilli ed il suo amichetto che ha una gamba che sempra scolpita dal Bernini che fanno un'andatura fotonica
Sono a fine gruppo e stringo i denti per non staccarmi
Si vola via Bettola Casorate ed a Motta chiudiamo a mala pena il tentativo di fuga andata via di violenza
Dietro ci sono i primi abbandoni ...
Si punta decisi verso Besate
Si fiata un attimo a Fallavecchia e poi altra sgasata a bomba prima di Morimondo che spezza il gruppo
Ricuciamo grazie ad Abbiati proprio prima di girare verso la buca quando un automobilista dalla madre meretrice decide di fare strike ma noi tiriamo i freni e cordialmente augurandoli tutto il bene del mondo lo lasciamo passare
Davanti non si sono accorti di nulla e sono gia' a capretto
Morale gruppo di nuovo in frantumi 
Ricuciamo in pochi e con fatica
Poi sullo strappo di Ozzero Pass e' Luke the Champion Vanzin che fa un menatone e rientra
Per gli altri spunta Puppi dal cespuglio che gli fa Ciao Ciao con la manina Aurevoir Alla Prossima ....
Zero possibilita' di rientrare tra Caselle e Rosate perché davanti si va via a fiamma
Rifiatiamo prima di Gaggiano e poi volata ignorantissima
Alza le braccia EdoBelt e poi tutti a casa a leccarsi le ferite

God Save Manetta      

mercoledì 21 marzo 2018

Fuori dal tunnel


Attimi e si riprende con la manettanza
In settimana mi sto sparando qualche uscita sul percorso di Zibido assieme a Fausto
La gamba fatica dopo il lungo stop di gennaio febbraio
Tempo per migliorare ne abbiamo
Martedì tutti presenti in conca fallata alle 17.30

Lunga vita ai Manetta !!!

mercoledì 7 marzo 2018

E' Skimo mania !


Finito il cx
Appena abbiamo deposto le armi in cantina sperando nell'imminente arrivo della primavera quando il meteo che ci ha preso per il culo da ottobre, inizia a fare sul serio
Montagne innevate come non mai
Neve addirittura in pianura
Temperature siberiane
e Burian che spazza le pianure ghiacciate
Cosa scatta quindi nella mente malata Ridiculous ?
Scatta una irrefrenabile voglia di sci alpinismo di skimo o skialp che si voglia dire
Prima prova in Valsassina sotto la guida di Cornago che ci porta a spasso come un cane pastore con le sue pecorelle
Seconda uscita in Alta Rezia che ci ha irreversibilmente inoculato il virus
Il punto di non ritorno e' ormai superato
Siamo entrati nell'olimpo dello ski alp ovvero la fabbrica degli Ski Trab a Bormio
Siamo usciti attrezzati di tutto punto e via verso Santa
Risaliamo la strada del Gavia sommersa di neve
I cartelli stradali fanno appena capolino
Il cielo e' azzurro  
Risaliamo fino al rifugio SunnyValley in un orgia di bianco immacolato abbagliante
Le forme sono tutte arrotondate morbide
La sensazione che percepiamo e' di ovatta che ci culla seppur richiedendoci energia
Arriviamo al rifugio con la spia della benzina che inizia a lampeggiare
Barretta gellino via le pelli chiusura degli scarponi e giu' in modalita' discesa fino a Santa
Rientriamo a Bormio a pomeriggio inoltrato ma giusto in tempo per goderci lo show di Wout alle Strade Bianche
Sapevo che il ragazzo ci avrebbe dato soddisfazione ma non fino a questo punto
Grande emozione !!!
Ma le 18.00 si avvicinano ed alle 18.00 parte la Creek to Peak Vertical Race da 1245slm a 2255slm
Prima di partire un bel vin brule' e viaaaaaa
Nonostante le dichiarazioni di non belligeranza la vena si chiude dopo 10 minuti e saliamo al massimo che possiamo
Ci sembra di salire fortissimo ma davanti nessuno molla anzi spariscono tutti
Ne recuperiamo forse solo 2 o 3 ma arriviamo al traguardo gasatissimi ed accesi come delle torce
Vince il campione europeo con un tempo imbarazzante
Noi ci cambiamo facciamo due parole accendiamo le luci frontali e giu' a cannone nel buio felici e demoliti
La sera ci lecchiamo le ferite e con la testa si progetta l'uscita di domenica
Inadeguati sempre ed ovunque




venerdì 23 febbraio 2018

Wout win again

Trasferta olandese che non dimetichero' di certo sia per divertimento che per devastazione fisica  
Il percorso di Valkenburg penso che potesse essere partorito solo da una mente malata come quella di Adriano VdP
Non si contavano quindi le discese mortali le contropendenze e gli strappi assassini
Certo poi le condizioni meteo l'hanno reso letale
Le donne Under infatti hanno fatto 3 giri girando ben sopra i 15minuti
Il fango argilloso ha permesso di primeggiare a chi sa correre con la bici in spalla
A chi sa correre sia sul piano ma soprattutto in salita e cosi' il nostro amatissimo Mathieu VdP dopo aver stradominato tutta la stagione inanellando ad oggi 31 vittorie che diventeranno con tutte le probabilita' 32 con la gara di domenica as Ostmalle ha preso una scoppola da cinematografo che si ricordera' fin che scampa !!!
Quello che in tanti speravano si e' avverato e Wout ha vestito per la terza volta consecutiva la maglia iridata .... total respect ! 
Domani sara' ai nastri di partenza della Omloop HN e poi lo vedremo anche alle Strade Bianche Ronde e Roubaix !
Non vediamo l'ora !!!
 



lunedì 29 gennaio 2018

Da Brugherio a Valkenburg

Ero rimasto alla vigilia di Brugherio
L'unico percorso in lombardia che potrebbe far parte del Superprestige
Le attese sono come sempre state mantenute anche se noi Master abbiamo corso su un circuito ridotto
Soddisfatto della gara
Soddisfattissimo della prestazione
Dopo una piccola titubanza iniziale mi son trovato a combattere con Cossetto Cornago e Olivetti
Gentaglia che di solito vedo col binocolo
Esco da Brugherio veramente gasatissimo anche se poi la classifica recita ottavo assoluto e quarto M5
Ma come diciamo noi perdenti abituali l'importante non e' come ti classifichi ma quello che hai provato durante la gara ;-)
Si festeggia subito e nel pomeriggio gareggio ancora a Fagnano
Poi faccio 6gg tra Lisbona e Porto di relax assoluto e rientro alla gara di Buttigliera con un secondo assoluto e primo di categoria ole'
Proseguo fino alla vigilia dove si corre a Lurago il regionale FCI
Qui faccio un'altra bella gara ed arrivo a 50metri dalla maglia che va al coriaceo Cornago
A Lurago a fine gara parte un memorabile terzo tempo dove coinvolgiamo anche Fontana Colledani i giudici gente sconosciuta ... insomma very hardcore !
Quindi il giorno di Santo Stefano siamo andati al consueto appuntamento a Borgo D'Ale poi l'inedita gara a Finale Ligure il 30.12 su una parte del percorso della 24 ore di mtb
Inizio il 2018 a Santena che e' anche il regionale Piemontese ACSI
Bel percorso e buona gamba ma non spingo a fondo e poi domenica a Moncrivello pesco il jolly andando a vincere assoluto una delle gare che piu' mi piacciono in una giornata molto molto belgica tra freddo vento e fango
Dopo Moncrivello finale del circuito FCI a Bosisio Parini sul solito bel percorso con premiazione eterna e terzo tempo devastante fino a tarda sera
Il sabato successivo altra vittoria uscita inattesa dal cilindro a Somaglia e secondo il giorno dopo a Castellania
Ora pronto per andare a Valkenburg a vedermi il cinema live&direct e poi si mettono le bici da cx a riposo sigh sigh