giovedì 31 gennaio 2013

lunedì 28 gennaio 2013

Cx Worlds preview

I belgi sono gia' a Luisville in Usa
Son partiti con due camion pieni zeppi di tutto quel che serve con una spesa che supera i 100.000 euro
La federazione belga ha giustificato la spesa come fosse un investimento pro futuro per il Ciclocross
Albert di suo per sentirsi come a casa si porta un assistente due meccanici e ovviamente la morosa
Noi ovviamente saremo una delle nazioni che non ha un canale che le fa vedere in diretta, regolare no ...

Cx Race Numero 26


A Castronno per la chiusura del Criterium Varesino e del Campionato Ragionale Acsi di Cx
Solito percorso che si addice piu' alle mtb che alle bici da cx
Ci sono in bella mostra le maglie tricolori appena vinte
Si rivede Tognolo ancora febbricitante motivo della sua assenza nelle ultime gare
Si rivede anche Luraghi
Ci allineiamo in partenza e con il Maestro ed il Branca facciamo due rapidi calcoli e ci rendiamo conto che se va bene si corre per far sesti
La gara si svolge come da copione nonostante faccia una partenza a fionda che mi permette di fare il primo giro in quinta posizione ma incalzato da Agostinone Cazzato e Rogora ...
Secondo giro ancora invariate le posizioni ma poi Agostinone rombe gli indugi sgasa e ci saluta
Fatico a tenere il ritmo
Dietro Rogora preme seguito da Cazzato
Respiro
Fa un giro davanti Rogora
Poi ne faccio uno io ed intanto Cazzato abbraccia la cancellata dietro alla curva dell'arrivo quindi fuori dai giochi ...
Me la gioco col maestro che oggi mi sembra ben messo ed infatti sulla salitella nell'ultimo giro va via con un'ottima progressione ...
Chiudo settimo
Peggio di ieri ma piu' soddisfatto per la bella e divertente gara ...
Chiudo settimo il Criterium Varesino e sesto il Regionale
La prossima ed ultima sara' ad Auzate il 10/02 gara che chiudera' il Criterium Palzola e poi si mandera' la Ridley e la Ibis a nanna ...


sabato 26 gennaio 2013

Cx Parco della Colletta

Siamo agli sgoccioli e non me ne voglio perdere una
Quindi direzione Torino e via
Arrivo come al solito tirato coi tempi e faccio solo un giro di prova
Circuito in un parco
Terreno durissimo e per niente scorrevole
Buche piccole medie grosse
La bici sbatte che e' un piacere
La schiena ringrazia
Oggi le ernie o le sistemo e le espulgo
Pronti
Con il sole in faccia e sei gradi piacevoli
Via
Favaro se ne va seguito da un biker cazzuto e da Bravini in completo azzurro e giallo da very guappo con la scritta Campione Regionale Piemontese ... Big Up per Paolino !!!
Poi un altro biker imbizzarrito che non riesco tenere
Me la gioco con Pozzo che alla fine cede ma non riesco ad agganciarmi davanti
Chiudo terzo veterano
Bene la posizione anzi benissimo !!!
Ma
Sensazioni pessime
Fiato corto e gamba inchiodata
No buono
Domani a Castronno i vari Tognolo Agostinone Rogora Branca mi faranno nero ...


mercoledì 23 gennaio 2013

Modolo

E' stato proprio bravo questo ragazzo della Bardiani CSF a mettere dietro 
Cav
Howard
Debuss....
Sagan 
Petacchi 
Chicchi
...

Prima uscita on ze road

Era dal 2 gennaio che non mi allenavo sul fottuto bitume
Con la Spinbike mi riusciva meglio sottopormi al massacro degli allenamenti dettati dal metodo Ugrumov miscelato con il metodo Tabata ed al metodo FuckYeah.
Ieri sera invece un'oretta e mezza a gironzolare per la Barona con TizLook mangiando nebbia idrocarburi e polveri sottili varie
Ora si parla di velodromo ...

 

lunedì 21 gennaio 2013

Italiano Cx

neve
freddosegapalle
fangone scivolosissimo
instabilita' in ogni curva 
continui rilanci
scivolate a nastro 
discesa kamikaze 
conciarsi da buttar via 
purtroppo pochi rettilinei 

Prendete e godetene tutti questo e' il ciclocross  ...













Niels Albert World Cup Cx Winner

mercoledì 16 gennaio 2013

News Ita Cx

In ottica Italiano Cx ci sono un po' di novita' da Borgo D'Ale
Una e' che gli organizzatori hanno migliorato il tratto della prima salita togliendo curve e controcurve e rendendola cosi' tutta pedalabile
Un'altra e' che hanno aggirato il tratto di sabbie mobili
Hanno potenziato la zona lavaggio bici
Hanno organizzato una navetta per farsi un doccione caldo
ma la piu' bella e' che ad oggi le previsione meteo danno neve tutto sabato e neve il mattino della domenica !!!
E chi se lo scorderebbe piu' un italiano sotto la neve stile l'arrivo di Nys ad Hamme Zogge 2008 ...
 

domenica 13 gennaio 2013

Dalmine & Cigliano Cx

Rivedo al Cx le faccine di Borellik e del Cazza
Proviamo il circuito 
Veloce con dei super drittoni
Poco da guidare e due gobbette artificiali 
Decido di correre con i copertoni gonfiati a tre abbondanti 
Siamo in sedici veterani
Parto veramente male ed ho dietro solo Borellik ed altri due 
Recupero a stento 
La gamba e' di legno 
Faccio una fatica boia e sono fermo 
Giornataccia nera non rendo proprio 
Spiace perche' il percorso mi si addiceva
Mi sforzo piu' che posso e riesco a strappare un sesto posto con i denti 
Pessime sensazioni 
Oggi a Cigliano solo per i veri appassionati 
Partiamo in una decina 
Tengo Pagani Stagnoli e Vacchini un paio di giri poi mi si spegne la luce e saluto la compagnia 
Chiudo quarto
Dura la vita dei " riva no' " 
Domenica prox Italiano a Borgo D'Ale
Andiamo a fare numero visto che i primi posti se li giocheranno Bertoni Borini Angelo Borini Orlando e Montanari ...    



venerdì 11 gennaio 2013

Vetrello



...
dopo tre mesi secchi di dolce far niente, la thailandia visitata con i
bagordi del caso, risalgo sulla bici con la pesa bloccata sugli 88.5,
ma il mare mi sta davanti, il movimento cipressa con me, e Tango Tanghetti
Alberto insieme a Ciccio Cavendish superano i 90 kilozzi, quindi al
primo cenno del sindaco onorario di borghetto si va...
siamo in tanti e fa caldo, nei due giorni precedenti ho fatto poca
strada ma buona nonostante la sofferenza, quindi con un kilo in meno
vengo adocchiato dalle ragazze ...
sembra il canto delle sirene, le vedo belle precise che mi dicono
oggi deviamo, facciamo il lato di diano in costa, poi baretto e si
viene a casa.
mi lascio convincere mentre in un batter d'occhio e due capi si
arriva a diano.
le ragazze ci sono tutte (almeno quelle che contano), e tolta isa b.
che non e' venuta, solo la col, la olga (quella vera con le trecce e i
gregari, vanno dritte verso cipressa, mentre io mi trovo in bella
compagnia e inizio la diano senza pensieri.
guardo le facce e riconosco la sempre in forma monica de palma con
fidanzato, che a dispetto delle treccine non si chiama olga, ma vista
la forma dovrebbe avere  prestazioni super quest'anno, la nostra
manetta stefania baldi, che fara' tutto il giro con rapporti
impossibili, la sua socia mary, contenta delle scarpe non da bici
acquistate la sera prima, e la mitica rossa sempre piu' in forma ilenia
stock.
fatico un po' e cedo solo sul finale di diano penso antani se no
postrini ma forse maresciallo, e vengo atteso dal buon lobello aldo, che come un padre mi
scortera' fino alla fine.
in cima banfo e le gambe mi fanno ciao, ma in discesa recupero
abbastanza bene, le ragazze mi danno pacche sulle spalle e mi avvisano
che il baretto si avvicina.
arranco e smadonno un po', faccio fatica ma cosa pretendo, in tre
giorni di pedalare benino, e in salita poi?
sono vetrello mica gesu' cristo magro, ma oramai sono li' e viene
indietro a trovarmi persino stefano vasco a darmi un po' di aiuto
morale.
tranquillo, lo so come ti senti, lo so che non dovevi venire, ma
oramai sei qui e tra otto kilometri otto il baretto apparira' in tutta
la sua magnificenza.
vedo un tot piu' avanti la de palma che pedala bene e per il suo peso
con rapporti durissimi, la ile va su bella allegra con la mary che
sembra sempre non far fatica, e la ste che con un 39x20 riesce a fare
pendenze in doppia cifra, mentre io con il 25 ho il dubbio che i freni
tocchino sul cerchio.
vedo la cima e i santi del firmamento e anche l'animaccia mia
impreca, lo so, non sono ne' fit ne' mezzo fit, ha ragione antonio b ma
oramai sono qui senza benza e con i gatti che strllano controvento.
BARETTO in cima e x un attimo respiro, coca brioche con la carta,
sprite fanta panino quasi quasi una birretta, ma si fa tardi e le
ragazze devono finire il loro allenamento, ed io devo tornare a casa in
qualche modo...
discesa e ho la faccia stravolta, ma piu' o meno so scendere, il peso
mi aiuta ed in men che si dica statale, saluto aldo e monica che con
stefano allungano verso una salitadal nome aquila (grazie ragazzi) e
con il vasco brother, le ragazze rimanenti ed un cinelli ben allenato
che fa l'andatura, si torna verso albenga.
peno un po' ma sto li' e le ragazze non fanno una piega, non sembrano
maschietti ma non pedalano come le femminucce, complimenti e scusate se
vi ho rallentato un po', magari con una decina di uscite in piu' faro'
una figura migliore (almeno spero)



Sacro Libro dei Manetta



Nei carbonari trani della bassa si narra ancora di quel giorno ...

Giorno in cui il Maestro usci' dal gruppo lanciato a folle velocita' con due facili colpi di pedale
Rimasero tutti increduli ma ...
L'eletto venne magneticamente attratto da una enorme pedivella Fsa carbon che fiammeggiava nel cielo proprio sopra il passo di Ozzero ed all'improvviso spari' all'orizzonte come Pantani sul Galibier
Un attimo dopo scese una fitta nebbia e le nutrie iniziarono ad ululare come fossero lupi dell'appennino
Il gruppo capi' che qualcosa di mistico stava accadendo
Terrore e stupore aleggiavano nell'aria
Dopo poco o poco dopo vedemmo sbucare il Maestro dalla fitta bruma dei prati di Caselle
Brillava di luce propria
Bello come mai
Irradiando attorno a se immagini di pignoni e corone che turbinavano senza sosta
Il cielo torno azzurro in un lampo ed una melodia celestiale si diffuse nell'etere
A quel punto il Maestro rientro' in gruppo con pedalata ferma e potente e mostro' "Il Sacro Libro" ed un'ampolla di "Brodo di Tartaruga"
Inizio' a piovere polase e barrette di kamut integrali
Tutti scesero dalle bici inchinandosi al loro fianco
Il Maestro recito' alcuni versetti in un idioma che solo i Manetta capirono
Fece bere tutti dall'ampolla ed a quel punto gli illuminati impugnarono reggisella e pipa ed issarono le bdc sopra le proprie teste in segno di rispetto e stima
I pochi miscredenti invece caddero a terra incoscienti e vennero dati in pasto alle fameliche nutrie della bassa

cosi' dal Sacro Libro dei Manetta

Mariano di Dalmine

Gara del tutto nuova
Mai corso nella bergamasca Cx
Domani vedremo che bel piattino ci proporranno gli orobici ...

Mi preme segnalarvi il blog di questo grande della fotografia
Clikkare Streetracker 
qui alcuni scatti di pregio ...





giovedì 10 gennaio 2013

Iron news



Non e' neanche passato un mese ed iniziano a trapelare le prime indiscrezioni sull'edizione 2013 che sara' un'edizione particolare ... mi ricordo che quando feci la Transalp nel 2011 in coppia con Super Fabry fu l'edizione con piu' dislivello ( 22.000 mt se nn ricordo male ) giusto per gradire ...  !!!
Comunque torniamo a noi, gli organizzatori per celebrare il ventennale dell'Ironbike, riconosciuto universalmente come il raid piu' duro e massacrante in assoluto al mondo per mille ragioni :
dal kilometraggio
dal dislivello
dai percorsi segreti e resi noti solo il giorno del prologo
percorsi estremamente tecnici sia a salire ma soprattutto a scendere
da ore ed ore di bici in spalla
dallo Chaberton ed i suoi 3200 mt da scalare ... ( a piedi )
dai 4000 gradini del forte di Fenestrelle



dalle 7-9 ore di mtb giornaliere ( se vai forte ! )
da ponti tibetani da superare
dall'obbligo di pernottare in tenda ad altitudini da sherpa
dal freddo e dalla neve
delle famose docce "calde" e dalle cene "prelibate"
insomma non bastando tutto cio', hanno deciso di portare la corsa da 8 a 9 giorni
si partira' il sabato 20/07 e si finira' domenica 28/07
ci saranno sul piatto 700km di sentieri scassati
27.000 metri di dislivello
ed alla prima tappa dopo essere arrivati in cima ad un monte verremo trasferiti in elicottero in cima ad un altro monte per affrontare una prova speciale tutta in discesa, godibilissima mi immagino ...
si parla anche di un tunnel in quota costruito ai tempi della guerra da percorrere strisciando come vietcong ...
insomma
una passeggiata di salute



martedì 8 gennaio 2013

Ciclocross della befana a Mercurago di Arona



Parto con Rad-Ice 
Non l'avevo mai visto cosi' devastato 
Arrivava da tre giorni di liguria dove si e' massacrato sui percorsi del Movimento Cipressa
Ma il richiamo del Cross era forte e si e' presentato
A Mercurago i soliti adepti del fango
Stimolati da un percorso dove ci siamo sempre divertiti alla grande 
Ci iscriviamo 
Ci cambiamo e via a provare 
Bellissimo tracciato per tre quarti 
Mentre la parte finale che e' un budello in un prato sconnesso e colmo di detriti edili risulta essere un campo minato stile vietnam
Forature a nastro 
Tubolari squarciati a profusione 
Corridori che decidono di rinunciare dopo aver forato piu' volte 
Dovevamo portarci le ruote con i copertoncini e tenere i preziosi Dugast in macchina 
A saperlo ...
Ma per me la scelta e' obbligata 
Dugast Rhino e finger crossed 
Sperando di essere graziato dal fato
Alla fine siamo solo 11 veterani ad allinearci in partenza
Pronti via 
Al primo degli otto passaggi passo terzo 
Borini e Monetta davanti 
Agostinone e Cazzato attaccati al culo 
Secondo giro a cannone con Cazzato che cerca di passarmi ma poi sparisce inspiegabilmente 
Alla fine mi spiega che gli si e' tranciato lo sgancio rapido della posteriore e si dovuto fermare a farsene dare uno ...
Terzo giro vedo Agostinone leggermente staccato intruppato da qualche sorpasso non agevole ma io nel pratone di saigon buco
Incazzatura alle stelle 
Proseguo sul cerchio per due trecento metri dove per fortuna ho la Ibis che mi aspetta sorretta dall'amico Spiller 
Lancio la Ridley e riparto con la Ibis ma non e' lo stesso ...
Intando Agostinone mi passa e non riusciro' piu' a mettergli la ruota davanti perdendo inesorabilmente sempre piu' terreno ...
Finisco quarto 
Pettinato e ferito 
Senza piu' i fantastici Dugast a disposizione ...
La paranoia mi attanaglia 

Non si puo' stare senza Dugast
Non e' vita lasciate perdere ...


domenica 6 gennaio 2013

Ieri ...

... sono andato al giro manetta del sabato.

L'ho fatto mille volte il maledetto giro, eppure mi dimentico sempre.
Dimentico sempre che bisogna essere "fit". 

Mezzi "fit", non va bene.
Amatori in forma, non va bene. 
Buoni passisti, non va bene. 
Tony e Lallo sono morti. 
O Manetta, o muerte.
Pensavo di trovare le vecchie glorie capitanate da Gianni Saturday, andatura regolare sui 38/40,
agilità invernale, ogni tanto ci sta, no? 

No.
Ci sono tutti gli orfani del giro delle 5 e mezza,

facce ben note che mi fanno dire "oh cazzo, forse oggi sarà dura", ma ho fatto 8mila km quest'anno,
decine di gare, quasi tutti i giri manetta. 

Ma sì, il solito macello, cosa vuoi che siano 10 giorni fermo tra le sbronze valbormidesi, 
la gamba c'è lo stesso,
15 giorni fa ho fatto il colle del Melogno
con i draghi della valbormida a manetta senza fiatare, 

non saranno un po' di brasato e nebbiolo ad uccidermi.
Cerco di convincermi, ma sapevo che sto mentendo a me stesso e sorrido amaro.


Partiamo in orario con il sole e un tempo stranamente caldo, si parla tranquilli, quando occhio che Gabry ha già su il 53 e infatti sfiamma senza tanti complimenti dietro a un uomo in nero, indiavolato, che pensa di essere ai campionati regionali a metà luglio.

Ce la siamo menata a raccogliere le viole per un attimo e una sfiammata ci frega 

30 persone attardate, 
cazzo,
eppure siamo un gruppo di buoni, 
meniamo come bestie e, con un piccolo taglio, scendiamo in buca per riprenderli proprio nella salita dopo morimondo, fatta agilmente ai 42 all'ora, tanto per gradire.

Da lì non me l'aspettavo, per me è stato più del solito sano massacro manetta,
Il giro è stato come un tornado di pugni, schiaffi, umiliazioni verbali su tua madre,
waterboarding con il cuore a 185 battiti, per finire con un uppercut dritto sul mento che ti stende,
come a dire "così impari cazzone, vai a bere, non ti alleni per 10 giorni, stai a ridere e scherzare con la ragazza, il bianchetto e il pandoro, che ti credevi, qua mica siamo signorine e non si fanno sconti a nessuno, capra."


In virtù dei fasti estivi e della divisa Manetta, do un paio di cambi, uno alla simpatica velocità dei 53,5 all'ora, il cardio mi urla "cazzo, ma sei abbelinato?", torno dietro e vedo schiene con scritto 
Edil 2000, 

Mantovani, 
Giacomel,
Lemer, 
Rapha davanti a me, 
a menare tutti come se non ci fosse un domani, 
piega bassa e zitti, 
cazzi tuoi.
Vento contro, 

ventagli su due carreggiate chiusi all'ultimo momeneto per l'arrivo di un camion.
Gli automobilisti, come sempre, ci insultano e ci vogliono buttare giù per stima, è un idillio senza fine.

Mi vien da piangere e urlare " 'ca troia, è il 5 gennaio, bestie!" ma non sono più uno sbarbato e ho abbastanza
esperienza da ingoiare il sangue che esce dai polmoni come un pugile sul viale del tramonto.

Sto zitto e subisco,
me lo merito, 
come un sottomesso che si fa frustare dalla sua padrona.

Non mollo ovviamente,

aspetto la frustata finale della volata che purtroppo si placa solo perchè all'imbocco dell'autostrada di Corsico c'è un genio, novello Jenson Button, con una merdosa utilitaria verde bile che ha appena parcheggiato su un fianco contro il guardrail, rendendola una carcassa fumante.

Tra ambulanza e pompieri che strillano, passiamo "tranquilli" ai 45 all'ora, senza che nessuno volti la testa, as usual.

Si  arriva al semaforo finale e l'incubo si spegne, ti ricordi perchè sei lì. 

Endorfina e serotonina si impadroniscono della tua testa e alla fine è il paradiso, 
vecchi amici, 
pacche sulle spalle, 
sorrisi, 
senti che il tuo capo ti vuole promuovere e avrai 20 vergini per te,
la giornata diventa perfetta, 
hai retto come sempre e la tua medaglia è guadagnata, tanto che allunghi stremato
fino a vigevano per arrivare ai 100 kilometri.


That's Manetta style.

by AntonioB



sabato 5 gennaio 2013

once were punk

Bloom 
Mezzago Mi
Ticket 5,00 euro 
Show start with 
RFT 22,30 23,00
Water Tower 23,15 23,45
Peggio Punx 00,10 01,30
Cegna Dj Set 01,30 03.00


poi domani a Mercurago sai che shiaffazzi che prendo ... !!!

venerdì 4 gennaio 2013

giovedì 3 gennaio 2013

Burry Stander


Oggi hanno schiacciato l'ennesimo ciclista
25 anni
Nel 2009 Campione del mondo Mtb cross country negli Under23
Quinto alle olimpiadi di Londra dopo una bellissima coppa del mondo in sella alla sua S-Works
Mi ha fatto sognare durante le sue cavalcate in coppia con Sauser alla mitica Cape Epic
Grazie Burry conserveremo gelosamente il tuo ricordo
Rip

mercoledì 2 gennaio 2013

Back Home

Finita la tre giorni della Cipressa
Da domani si ritorna in miniera
Le gambe sono sfasciate
Ho tre giorni per riprendermi e dare battaglia a Mercurago domenica
Mercurago e' un percorso devastante con una salita da suicidio
Quando arrivi su hai il cuore in mano che ti guarda
Ho tre giorni
Spero che bastino
Rogora & Branca me l'hanno giurata e non vedono l'ora di sbeffeggiarmi
meno male che sono finiti queste cenonidellaminkia
Ora mi sento al "sicuro dal male"



versione favolosa
you can free the world you can free my mind
...